RECENSIONI
— PAOLO LEVI - CRITICO D'ARTE
Tiziana Ricco fa dell’informale l’essenza delle sue opere. È informale la sua sperimentazione, la sua ricerca espressiva che si spinge oltre il messaggio squisitamente simbolico-esistenziale. È suadente la sua tecnica mista: composizioni dai colori essenziali, totalmente e giustamente padroni dello spazio, frutto della sua mano sapiente e della sua emotività.
— PROF. MAURIZIO D'ADDARIO
Tiziana Ricco, pittrice poliedrica, è approdata nell’informale dopo un lungo periodo di ricerca cromatica espressionistica. La sua pittura è il risultato del rapporto tra gestualità ed emotività e si traduce in composizioni cromatiche sintetiche in cui spirito e materia si intrecciano e danno vita ad un linguaggio gestuale liberatorio. Il risultato è un’espressività gestuale istintiva e sapienza tecnica che si fondono per dar vita ad una poetica.
— IRMA SARACINO - CRITICO D'ARTE E SCRITTORE
Lo sperimentalismo tecnico di Tiziana Ricco assume una sempre nuova e rinvigorita potenza espressiva, che si concretizza nelle sue opere. La ricerca continua di un rapporto empatico con l'energia del macrocosmo, presente nel microcosmo dell'io, trova espressione compiuta nelle scelte cromatiche e nei contorni, quasi geometrici, dei dipinti. E il lato oscuro dell' "essere" si libera in un crescendo di definizioni lineari, che delimitano e respingono i toni plumbei anche grazie ai guizzi improvvisi di molteplici volute, veri e propri colpi di luce e d'intuizione.  Le tele si esprimono attraverso una tecnica che contraddistingue gran parte della produzione dell'artista.
— FRANCESCO FUSCO
Evocando timore e rabbia le opere dell’artista Tiziana Ricco, denunciano lo stato attuale della Terra, il suo cambiamento climatico nel corso del tempo e le ripercussioni a lungo termine sul suo futuro con l’intento di risvegliare nel visitatore, la consapevolezza dell’assoluta necessità di cambiare il nostro modo di vivere e vedere il mondo. Un tema che viene continuamente espresso attraverso tutte le opere è quello del delicato e fondamentale equilibrio che esiste tra tutti gli elementi che compongono il nostro pianeta. Titolo opera Earthrise 1^ Premio Trofeo Citta' di Lecce . Gestualità Cosmiche.
— CARMELO CIPRIANI - ARTICOLO DEL QUOTIDIANO DI PUGLIA
Tiziana Ricco si confronta con la solida tradizione informale, offrendone un punto di vista capovolto, inaspettatamente invertito. In “ Gestualità Cosmiche “ il gesto, riservato ed inequivocabile si sottrae alla sfera individuale per approdare all’universo. L’artista si fa sciamano, sodalizza con la NATURA al punto di avvertirne l’energia endogena, in forma pura non convenzionale.
— IRMA SARACINO - CRITICO D'ARTE E SCRITTORE
Indubbie le capacità espressive della pittrice brindisina che colpisce la sfera emozionale di ogni osservatore, anche il più distratto. " Nei suoi quadri c'è una potenza espressiva straordinaria, concretizzata da scelte cromatiche d'impatto e che presuppongono anni di studio e ricerca. L'artista riesce, attraverso un rapporto empatico con la materia, la natura a deassolutizzare il suo ego per immergersi totalmente in una dimensione sovraspaziale "
— MAURO FANTINATO
Nell’alveo di un’urgenza comunicativa scaturisce l’arte di Ricco, come di una vita con cui intrattenere un rapporto affettivo, intrecciato di sentimenti contrastanti, e alla cui dinamica offrire voce risoluta e cosmica. Apre una “strada per l’interiorità”: attraverso il medium del colore, infatti, sale la sua tensione esecutiva sul mondo indagato che, partendo da un’ottica impressionistica, approda all’informale con sicura e struggente esecuzione, persuasiva ed ammonitrice. E qui, soprattutto, i calibrati cromatismi si materializzano tattilmente e chiamano in causa tutti i sensi, non solo quello della vista. L’informale, allora, si fa materia sinestetica da assumere ed interiorizzare in quello spazio d’azione della coscienza dove il caos primordiale dell’uomo si annida e su cui l’arte insegna a far luce.Lo sperimentalismo tecnico di Tiziana Ricco assume una sempre nuova e rinvigorita potenza espressiva, che si concretizza nelle sue opere”. La ricerca continua di un rapporto empatico con l'energia del macrocosmo, presente nel microcosmo dell'io, trova espressione compiuta nelle scelte cromatiche e nei contorni, quasi geometrici, dei dipinti. E il lato oscuro dell' "essere" si libera in un crescendo di definizioni lineari, che delimitano e respingono i toni plumbei anche grazie ai guizzi improvvisi di molteplici volute, veri e propri colpi di luce e d'intuizione.  Le tele si esprimono attraverso una tecnica che contraddistingue gran parte della produzione dell'artista.
— PROF. LIONELLO MACI - ECO DI BRINDISI
E’ da tempo che non mi accadeva di visitare una “personale” scevra dai canoni dell’arte visiva tradizionale. L’occasione mi è stata offerta dalla mostra della brindisina Tiziana Ricco nei locali del Bastione San Giacomo. Va detto subito che la padronanza tecnica e inventiva dell’artista riesce a dare al quadro la sensazione di una “pittura scolpita”. Nel senso che ingredienti particolari come la sabbia, lo stucco ed altro si mescolano all’olio, conferendo all’opera il dono del bassorilievo, che sospinge il visitatore al rapporto tattile con tanta consistenza materica. Tiziana Ricco, il cui percorso formativo ha origine dall’espressionismo e giunge alle odierne esperienze astratte, dimostra di saper dominare con successo la tavolozza, imprimendo alla tela accostamenti cromatici persuasivi e intelligenti. Mi chiedo quanti siano coloro che apprezzino e comprendano la pittura astratta. Non è compito dell’artista, comunque, motivare ed esplicitare la propria produzione intellettuale nei riguardi di chi non sa cogliere le emozioni trasmesse da un’opera, la sua bellezza, la sua fascinosa originalità. “L’Arte”, ha scritto di recente Stefano Zecchi, “non va spiegata: l’arte spiega”. Se cosi’ non fosse non saremmo giunti alla sua modernità, alla sua avanguardia, grazie alle quali le ansie, le frustrazioni della società, gli stessi stati d’animo dell’artista diventano colore intenso, violenza espressiva, istintività liberatoria. – Articolo dell’Eco di Brindisi -
— RAFFAELE DE SALVATORE - GIORNALISTA
Tiziana Ricco, è un’artista dalla solida formazione artistica, filtra e materializza la lezione della tecnica astratta ed informale riferendo ad immagini reali, ella compie una specie di destrutturazione della realtà utilizzando segni netti, istintivi, andando talvolta a contrassegnare profondamente la materia pittorica. La sua arte è una ricerca che esplora fino in fondo la forza espressiva del colore e la sua capacità di rendere visibile l’impulso più profondo. La forza cromatica rivela le sue considerazioni sullo spazio, divenendo, quest’ultimo il luogo dove i colori si espandono e come flussi energetici lo riempiono. Non è quindi raffigurazione oggettiva la sua arte, ma soggettiva visione di un pensiero innato presente nell’essere umano. La conseguente materializzazione sul supporto è il risultato di talento e istintualità, armonicamente amalgamate assieme e tale unione garantisce una perfetta diffusione di emozioni.
Total: